Contenuto del div.
Elenco Sponsor
In evidenza
Cerca nel sito
Invia ad un amico
Stampa
Articolo del 21/05/2012

Tratto da Gestire News 77
Servizi tanti e spesso, siamo inglesi

Ecco perché il Regno Unito è il più avanzato mercato del FM

Il Regno Unito è ormai riconosciuto come il più avanzato mercato del FM nel mondo, grazie anche alla sua tendenza a creare un’integrazione sempre più forte tra la funzione di Real Estate e quella di Facility Management.
In una recente ricerca svolta tra 1.500 membri del BIFM - British Institute of Facilities Management, sostenibilità e cura dell’ambiente sono risultati due tra i temi dotati del maggior impatto sull’operato dei Facility Manager britannici. Questa tendenza è il risultato di diversi fattori chiave; il più importante è l’accresciuta attenzione delle organizzazioni riguardo al concetto di responsabilità sociale delle aziende. Sono sempre di più infatti gli stakeholder disposti a investire solo in organizzazioni che agiscono in maniera virtuosa. Il compito di gestire ogni aspetto del programma di responsabilità sociale studiato dalle aziende nel Regno Unito è normalmente affidato proprio ai Facility Manager.
La spinta verso il sociale non arriva però solo dall’esterno: gli stessi impiegati britannici stanno esercitando in questi anni una forte pressione nei confronti dei rispettivi datori di lavoro affinché trasformino sedi e siti aziendali in ambienti davvero sostenibili, adottando così lo stesso atteggiamento che il dipendente è solito tenere nella gestione della sua casa.
I Facility Manager britannici, sono ormai una presenza fissa in tutti i team destinati a progetti di costruzione o ristrutturazione delle sedi aziendali e uno dei loro compiti principali in questo contesto è proprio quello di garantire che tali opere incorporino soluzioni sostenibili.
Altro trend a livello mondiale che sta avendo grande effetto sul mercato del Facility Management nel Regno Unito è quello che vede le organizzazioni ridurre il proprio portfolio immobiliare sull’onda dei nuovi concetti di organizzazione dello spazio di lavoro e delle nuove tecnologie di telecomunicazione. Ai Facility Manager, in questo contesto, va il compito di gestire non solo una nuova idea di spazio, ma anche di lavoro, che è sempre più visto come un’attività piuttosto che come un luogo dove recarsi quotidianamente.
Cresce ancora, infine, il ricorso all’esternalizzazione da parte delle aziende britanniche, sempre più determinate a chiedere ai fornitori di servizi di FM soluzioni innovative per creare risparmio. La scelta dell’attuale Governo britannico di porre il massimo sforzo nel diminuire i costi del settore pubblico avrà come effetto diretto quello di ampliare ulteriormente il già ricco mercato dell’outsourcing del Regno Unito, incoraggiando le società di FM a fornire un ventaglio di servizi ancora più ampio che includerà anche la gestione degli stipendi, della parte IT e degli acquisti.


Tratto da:
International Trends in Facility Management
di Ellen Gijsbers and Jelle van der Kluit
FMJ, Maggio – Giugno 2011

 

Se vuoi iscriverti alla Newsletter di IFMA Italia inserisci la tua e-mail nel box sottostante.
TUTELA DATI PERSONALI - INFORMATIVA
Ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs 196 del 30 giugno 2003, disposizioni a tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, si informa che i dati, nell'ambito della presente iniziativa, saranno inseriti nel database di IFMA Italia e non saranno comunicati a terzi. IFMA Italia richiede il consenso al trattamento dei dati anche in forma automatizzata per finalità statistiche e per l'invio delle comunicazioni inerenti le attività e le iniziative dell'Associazione.
Ai sensi dell'art. 7 del D.Lgs 196 del 30 giugno 2003, sarà possibile richiedere l'aggiornamento, la rettifica, l'integrazione o la cancellazione dei dati, rivolgendosi direttamente a IFMA Italia Viale Lombardia 66, 20131 Milano, tel. 02.28851611, fax. 02.28851623, e-mail: ifma@ifma.it.