Contenuto del div.
Elenco Sponsor
In evidenza
Cerca nel sito
Invia ad un amico
Stampa
Articolo del 05/02/2017

Tratto da Notizie brevi
Survey sulle intenzioni degli investitori: meno rischi e più investimenti core

Milano, 2 febbraio 2017 – CBRE, leader mondiale nella consulenza immobiliare, presenta, a margine di Perspective 2017 – client event annuale ideato per delineare le principali tendenze e prospettive del mercato immobiliare italiano – i risultati di una survey condotta sui principali investitori immobiliari nazionali e internazionali per comprenderne le intenzioni per il 2017.
 
Il 47% dei rispondenti ha dichiarato che la loro attività d’investimento immobiliare sull’Italia nel 2017 sarà maggiore rispetto al 2016 contro il 62% dello scorso anno nei confronti della stessa domanda. Il mercato infatti è resiliente ma altrettanto certo è che vi è maggior consapevolezza sull’incertezza dei fondamentali e gli investitori sono preparati al rischio.
 
I settori che attraggono maggiormente gli investitori per il 2017 sono l’high street con il 18% di preferenze, seguito da uffici con il 16% (nel 2016 ha attratto il 40% degli investimenti, secondo anno record a Milano per volumi investiti) e da centri commerciali, con il 14%, che rimangono stabili nelle preferenze degli investitori.
 
“Il settore logistico sembra essere quello con un maggior margine di crescita – dichiara Alessandro Mazzanti, CEO di CBRE Italia - con una quota di investimenti nel 2016 pari al 7% contro il target del 14% indicato dagli investitori: rimane un forte sbilanciamento tra domanda e offerta.”
 
Per quanto riguarda invece la tipologia di investimento per il 2017, cambiano le risposte rispetto allo scorso anno: aumenta la quota di chi indica core e core plus (54% rispetto al 43% del 2016) e diminuisce la quota di chi afferma che preferirà investimenti non core (opportunistici/value added e distressed): dal 57% scendono al 46%. 
 
“Sono tornati gli investitori core e la maggiore incertezza guida verso strategie più avverse al rischio – Conclude Mazzanti. Ciò è confermato dal rischio che gli investitori sono disposti ad assumersi su asset non prime: maggiore rispetto al 2016 solo per il 27% degli intervistati, contro  il 41% dello scorso anno, mentre la quota di chi indica che manterrà lo stesso rischio è pressoché stabile.  I tassi sono sempre ai minimi storici, ma la tendenza è al rialzo.”
 
Il 2017 sarà un altro anno positivo, in linea o migliore del precedente.
 
Per maggiori informazioni si rimanda alla sezione apposita del sito di CBRE 
Se vuoi iscriverti alla Newsletter di IFMA Italia inserisci la tua e-mail nel box sottostante.
TUTELA DATI PERSONALI - INFORMATIVA
Ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs 196 del 30 giugno 2003, disposizioni a tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, si informa che i dati, nell'ambito della presente iniziativa, saranno inseriti nel database di IFMA Italia e non saranno comunicati a terzi. IFMA Italia richiede il consenso al trattamento dei dati anche in forma automatizzata per finalità statistiche e per l'invio delle comunicazioni inerenti le attività e le iniziative dell'Associazione.
Ai sensi dell'art. 7 del D.Lgs 196 del 30 giugno 2003, sarà possibile richiedere l'aggiornamento, la rettifica, l'integrazione o la cancellazione dei dati, rivolgendosi direttamente a IFMA Italia Viale Lombardia 66, 20131 Milano, tel. 02.28851611, fax. 02.28851623, e-mail: ifma@ifma.it.