Contenuto del div.
Elenco Sponsor
In evidenza
Cerca nel sito
Invia ad un amico
Stampa
Articolo del 20/03/2018

Tratto da Notizie brevi
Engie guida l’assalto “straniero” alle bollette luce e gas degli italiani

di Luca Pagni, da la Repubblica.it - Affari & Finanza
 
Riprendendo una delle più celebri rubriche della Settimana enigmistica, si potrebbe scrivere che forse non tutti sanno che Engie, il gruppo leader nel mondo per la produzione e vendita di energia elettrica, nato dalla fusione di due colossi francesi come Gaz de France e Suez, si occupa anche di calcio. Anzi, è uno dei protagonisti assoluti del mondo del pallone in Italia. Non tanto perché proprietario di squadre professionistiche. E nemmeno perché mette il suo nome in qualità di sponsor sulle magliette. Ma perché è il numero uno nella gestione di stadi nel nostro paese, tanto da essere tra i promotori per il progetto del nuovo stadio di Cagliari. Un ruolo che ha consolidato dopo l’acquisizione, nel gennaio scorso, del 75%di Ecoprogram Servizi: con 150 dipendenti e oltre mille collaboratori, è tra i gruppi più importanti nel facility management e gestisce clienti come lo stadio di San Siro, il Forum di Assago, lo stadio del Sassuolo a Reggio Emilia nonché i centri sportivi di Inter e Milan. Un portafoglio che si aggiunge agli altri stadi in cui era già presente da Verona a Udine. Ma per quale motivo, uno dei gruppi più noti nel settore dell’energia in Italia, al quinto posto per la produzione di elettricità (dopo Enel, Eni, A2a ed Edison) e al sesto per vendite di gas ai clienti finali dovrebbe occuparsi di gestire servizi, sicurezza e logistica di uno stadio di calcio o di un palazzetto? 
 
Leggi l'articolo completo.
Se vuoi iscriverti alla Newsletter di IFMA Italia inserisci la tua e-mail nel box sottostante.
TUTELA DATI PERSONALI - INFORMATIVA
Ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs 196 del 30 giugno 2003, disposizioni a tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, si informa che i dati, nell'ambito della presente iniziativa, saranno inseriti nel database di IFMA Italia e non saranno comunicati a terzi. IFMA Italia richiede il consenso al trattamento dei dati anche in forma automatizzata per finalità statistiche e per l'invio delle comunicazioni inerenti le attività e le iniziative dell'Associazione.
Ai sensi dell'art. 7 del D.Lgs 196 del 30 giugno 2003, sarà possibile richiedere l'aggiornamento, la rettifica, l'integrazione o la cancellazione dei dati, rivolgendosi direttamente a IFMA Italia Viale Lombardia 66, 20131 Milano, tel. 02.28851611, fax. 02.28851623, e-mail: ifma@ifma.it.